Ecografia Collo

ecografia colloEcografia Collo cos’è e a cosa serve

L’ecografia del collo è un esame diagnostico la cui finalità principale è quella di facilitare l’individuazione di patologie di vario genere che possono interessare questa particolare area del corpo. L’impiego di ultrasuoni in luogo dei raggi X esclude rischi e complicazioni per la salute di quanti necessitano di sottoporsi a questo accertamento, rendendo al contempo ancor più efficace l’indagine clinica.

L’ecografia al collo viene richiesta dal medico di base in tutti i casi nei quali si avesse la necessità di escludere neoformazioni della parotide, scialoadeniti (infiammazioni che riguardano le ghiandole salivari maggiori), patologie della tiroide, cisti mediane e laterali, neoformazioni primitive, lipomi e patologie di tipo linfonoidale, anche di origine infettiva. L’accertamento, inoltre, consente di valutare lo stato generale di tutte le strutture superficiali del collo ed in maniera particolare i linfonodi, le ghiandole salivari maggiori, i muscoli, la tiroide ed i tessuti. Mediante l’ecografia del collo non è invece possibile prendere coscienza delle condizioni di salute di strutture profonde come la base della lingua, la faringe (la cui visione è impedita dalla presenza dello scudo cartilagineo della tiroide, che ostacola il passaggio degli ultrasuoni) e le corde vocali.

Linfonodi ingrossati: ecografia collo per capire

L’ecografia al collo per linfonodi è una pratica medica piuttosto diffusa ed atta a rendere agevolmente praticabile una valutazione chiara ed accurata delle ragioni che si pongono alla base di un aumento della volumetria che interessa tali elementi. In particolare, si ritengono casi a cui porre particolare attenzione tutti quelli nei quali l’ecografia al collo evidenziasse linfonodi ingrossati per oltre un centimetro.

I linfonodi o ghiandole linfatiche sono degli organi di piccole dimensioni e dalla forma arrotondata. Sono situati lungo le vie linfatiche, quindi in ogni punto del nostro corpo, proprio come le vene. Nel nostro corpo sono presenti all’incirca 600 linfonodi e si raggruppano in zone come il collo o le ascelle. Essi rispondono al sistema immunitario in caso di attacchi di agenti esterni come possono essere dei virus o dei batteri, ma anche da attacchi interni se alcune cellule mutano la proprio natura.

A tal proposito occorre rimarcare che, a causa della notevole varietà di quadri clinici che possono presentarsi di fronte all’operatore preposto allo svolgimento dell’accertamento ecografico, è fondamentale distinguere i linfonodi reattivi da quelli comunemente indicati come ‘’infettivi’’ o ‘’infiammatori’’. Questi ultimi, infatti possono essere figli di una semplice reazione scatenata da uno stato infettivo (è sufficiente una semplice influenza), e tendono a riacquisire le dimensioni canoniche una volta debellata l’infezione medesima. Nel caso in cui l’ingrossamento dei linfonodi risultasse svincolato da fattori simili a quelli di carattere infiammatorio, è altamente probabile la presenza di uno stato patologico potenzialmente grave.

Come già detto, l’ingrossamento dei linfonodi non è strettamente legato a cause maligne, è importante però ricordare che uno screening dei linfonodi è sempre utile per la diagnosi del cancro se l’infiammazione è di carattere invasivo o causata delle cellule cancerose che si sono distaccate.

Ecografia al collo per la diagnostica del tumore alle ghiandole salivarie

Le ghiandole salivari, come suggerisce il loro nome, sono ghiandole in grado di produrre saliva all’interno della nostra bocca. Essendo anch’esse degli organi, vi è la possibilità di essere affette da infiammazioni (scialoadeniti) o patologie neoplastiche di tipo benigno o maligno. Tra le ghiandole salivari troviamo la parotide, collocata tra mandibola e orecchio che può essere colpita da neoplasia maligna conosciuta come tumore della parotide. E’ tra i più diffusi nonostante anche le ghiandole più piccole possono essere colpite.

Tra i sintomi dei tumori delle ghiandole salivari ricordiamo la presenza di masse o episodi di dolore al viso, al collo e/o alla bocca, difficoltà a deglutire, asimmetria del volto causato da visibili differenze non presenti in precedenza, ostruzioni e sanguinamento del naso, intorpidimento del volto. Questi sintomi non devono per forza essere ricollegati alla presenza di una neoplasia maligna ma è bene consultare il medico ed effettuare un’ecografia del collo per escludere eventualmente la presenza di un tumore alle ghiandole salivari.

Infatti, l’ecografia al collo e alle ghiandole salivali è anche la prima metodologia di indagine diagnostica funzionale all’individuazione di tumori che interessano le strutture di quest’area: nel processo di indagine clinica funzionale all’accertamento della patologia, l’ecografia al collo e alle ghiandole salivali rappresenta solo la seconda fase dell’intero iter al quale è opportuno sottoporre il paziente. Il primo filtro, infatti, deve giungere, come sempre, da un approfondito esame empirico al volto ed alla gola, al quale, solo in un secondo momento, può seguire un accertamento ecografico, una tomografia computerizzata o, nei casi che dovessero necessitare di ulteriori indagini, una risonanza magnetica. Nel caso in cui si volesse procedere ad un approfondito accertamento in grado di fare luce sulla possibilità che nell’area interessata dallo screening siano presenti delle cellule tumorali, si è invece soliti utilizzare la tecnica dell’agoaspirato.

ecografia colloEcografia del collo per studiare la tiroide

Al pari di tutti gli altri esami di questo genere, anche l’ecografia al collo e alla tiroide è un esame non invasivo né doloroso al quale non si associa alcuna somministrazione di radiazioni e che, pertanto, può anche essere svolto a più riprese entro lassi di tempo non particolarmente distanti tra loro senza temere di poter in qualche modo ledere alla salute del paziente. L’ecografia al collo e alla tiroide rappresenta uno strumento di estrema importanza per ottenere informazioni precise e dettagliate riguardo alla struttura morfologica degli organi presenti in questa particolare parte del corpo, evidenziando parimenti la presenza di noduli e di infiammazioni. Questo esame non si ritiene invece adatto a valutare il corretto funzionamento della tiroide, né, quindi, a diagnosticare patologie quali ipotiroidismo o ipertiroidismo o, al contrario, a confermare il corretto stato di salute dell’organo, definito in gergo medico “eutiroidismo“.

L’accertamento di carattere ecografico permette di identificare con relativa semplicità anche eventuali noduli di dimensioni talmente ridotte da non essere percepibili al tatto durante la palpazione: in questo senso, l’ecografia collo e tiroide accelera e perfeziona l’iter di diagnosi di patologie tiroidee aiutando ad elaborare per tempo la terapia più congeniale alla risoluzione del problema.

Come si svolge l’ecografia collo?

L’ecografia al collo è un esame di screening che non prevede una preparazione specifica. Al paziente verrà chiesto di stendersi e, dopo aver applicato sull’area da visitare del gel, il radiologo inizierà la visita tramite ecografo, muovendosi in tutta l’area del collo. L’esame è completamente non invasivo e la sonda non crea dolore in quando entra a contatto solamente con l’epidermide del paziente.

La durata dell’ecografia del collo è di pochi minuti, all’incirca una decina. Il paziente potrò eseguire l’esame in completa tranquillità perché non vi sono complicazioni e non è necessario sospendere le terapie in corso.

Qual è il costo per l’ecografia del collo

Mediamente l’ecografia al collo ha un costo che oscilla tra i 35 ed i 50 Euro. E’ possibile effettuare questo tipo di accertamento anche in regime di esenzione, rimanendo vincolati al solo pagamento del ticket: in questo caso un’ecografia al collo ha un prezzo che ammonta a poco più di 48 Euro. Per praticità riportiamo nella tabella seguente i costi delle più comuni ecografie eseguite presso il centro Medical Imaging a Curti (Caserta):

EcografiaPrezzo Convenzionato ASLPrezzo ASL Esenti Totali o ParzialiPrezzo Esame Privato
Eco Addome Inferiore€ 52,02 € 5,00 / € 0€ 50,00
Eco Addome Superiore€ 56,15 € 5,00 / € 0€ 55,00
Eco Addome Completo€ 56,15 € 5,00 / € 0€ 60,00
Eco Collo€ 48,41 € 5,00 / € 0€ 45,00
Eco Fegato-Milza - Pancreas€ 56,15 € 5,00 / € 0€ 55,00
Eco Ginecologica€ 52,02 € 5,00 / € 0€ 50,00
Ecografia Strutturale/Gravidanza (3° E 6° Mese)*NONO€ 150,00
Eco Mammaria€ 55,89 € 5,00 / € 0€ 55,00
Eco Muscolotendinea€ 48,41 € 5,00 / € 0€ 50,00
Eco Pelvica€ 52,02 € 5,00 / € 0€ 50,00
Eco Prostatica€ 52,02 € 5,00 / € 0€ 40,00
Eco Spalla€ 48,41 € 5,00 / € 0€ 50,00
Eco Tessuti Molli€ 48,41 € 5,00 / € 0€ 50,00
Eco Testicolare€ 50,99 € 5,00 / € 0€ 50,00
Eco Vescicale€ 52,02 € 5,00 / € 0€ 50,00
Ecocolordopler*NONOda € 70,00 a € 120,00
*Esami svolti solo in regime privato non in convenzione.

Ecografia collo a Caserta e provincia

Medical Imaging è il centro medico con sede a Curti (Caserta) che da più di cinquant’anni rappresenta il punto di riferimento per tutta le province della Campania e di numerose altre regioni dell’Italia Meridionale per lo svolgimento di esami ecografici: la struttura di Curti, infatti, offre ai pazienti tutta l’efficienza garantita dall’impiego di macchinari all’avanguardia e tutta la competenza di uno staff di professionisti altamente qualificati.

Prenotazione ecografia collo a Caserta e provincia

Per prenotare un accertamento ecografico che interessi collo e tiroide presso Medical Imaging di Polisanitaria Iodice, è possibile contattare lo 0823 843087, compilare il modulo di prenotazione online a questo link o recarsi fisicamente presso la sede di Via Nazionale Appia, 28 a Curti.

Tempi di attesa ecografia al collo a Caserta

I tempi necessari per sottoporsi ad un’ecografia al collo presso il centro Medical Imaging variano da 1 a 3 giorni dal momento della prenotazione.

Ritiro ecografia al collo presso Medical Imaging a Curti (Caserta)

Subito dopo l’esecuzione dell’esame il personale di Medical Imaging provvederà alla consegna delle immagini ecografiche refertate.

  • Internistica
  • Ginecologia
  • Ostetrica
  • Senologia
  • Organi Superficiali
  • Muscolo Scheletrica
  • Eco-Color-Doppler non mutuabili
  • Cardiologia
  • Pediatrica
  • Agoaspirati Ecoguidati non mutuabili